giovedì 26 luglio 2018

Max and the Seventh Sound: la "new disco music" made in Venice


Sabato scorso mi trovavo nell'isola di Murano per una serata diversa dalle solite, lontana dal caos e dalle commercialate giovanili. In cartellone c'erano infatti i Max and the Seventh Sound, formazione veneziana dedita alle cover disco music che già in passato avevo avuto modo di ascoltare (e apprezzare) in altre occasioni, che avrebbero suonato gratuitamente per un'iniziativa promossa dall'AVAPO. L'atmosfera era tra le più local possibili, con tante famiglie presenti e un pubblico che abbracciava tutte le fasce d'età immaginabili.

Ero già pronto a deliziarmi le orecchie con "Good times" e "Le freak", ma non avevo messo in conto una cosa che mi avrebbe acceso l'entusiasmo e cambiato il senso di tutta la serata: i musicisti lagunari avrebbero presentato il loro primo album di inediti.
Sì. Nuove canzoni disco music nel 2018


Ovviamente mi sono subito assicurato il cd (che presto vedrà la luce sul mercato fisico e digitale) ma non solo: una volta rincasato ho contattato il chitarrista Andrea Bon proponendogli una collaborazione. Sono sempre stato un sostenitore delle ricostruzioni storiche, dei nuovi brani con sound del passato, capaci di accendere quella piacevolissima sensazione di jamais vu nelle orecchie di ogni nostalgico. Come nel caso di Tom Hooker e Miki Chieregato, già fautori del progetto Den Harrow e ora tornati alla ribalta con pezzi inediti dal sapore retró. E... no: un'iniziativa come quella dei Max and the Seventh Sound non poteva passare in sordina, senza apparire sul Blog.

E così, per contribuire alla diffusione del loro progetto, ho realizzato un video-teaser con cinque delle nove tracce dell'album, che propongo agli appassionati di retro-musica di tutta Italia, in attesa della pubblicazione ufficiale che dovrebbe avvenire entro la fine dell'estate.
E che verrà accompagnata da un'intervista esclusiva ai componenti della band, sempre su queste frequenze. (Aggiornamento: clicca qui per leggere l'intervista e per accedere alla pagina d'acquisto di "The Good, The Bad and the Funk")


Ecco il link alla loro pagina Facebook, dove potrete trovare tutti gli aggiornamenti sull'album in uscita e sulle prossime date in programma, senza dimenticare che sabato 28 luglio, dalle ore 21, Max and the Seventh Sound saranno di nuovo a Muranopresso il Patronato di San Donato.

foto di Matteo Bevilacqua

Avete mai avuto occasione di ascoltarli? Vi è piaciuto il video-teaser?
La parola passa a voi!

Nino Baldan


Vai alla pagina d'acquisto di "The Good, The Bad and the Funk"

8 commenti:

  1. Wao, che novità! Peace of Mind spacca, ma comunque in tutte le tracce si nota una grande cura... Pure Funky Friday spacca... :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche le altre quattro che non ho campionato sono da ascoltare! Ogni canzone poi attinge da un diverso filone della disco music

      Elimina
  2. Peace of mind è anche la mia preferita! Bel progetto, la disco music non morirà mai :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La foto della serata l’ho scattata proprio durante l’esecuzione di “Peace of mind” :)

      Elimina
  3. Beh, per ovvi motivi io alla disco music sono molto affezionata :-)
    Ascolterò volentieri le tracce che hai lasciato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per motivi anagrafici la disco music non l’ho vissuta, ma l’ho sempre apprezzata come genere, orecchiabile per via di groove e melodia.
      Di gran lunga preferibile a quanto si sente oggi :)

      Elimina
  4. Ciao nino! Innanzitutto grazie per essere passato da me, la cosa mi ha fatto davvero tanto piacere! Pervquanto riguarda la disco music non mi esprimo, più che altro perché anche se mi piace molto, ho dei gusti musicali leggermente differenti che a qualcuno piacciono e a qualcun altro ovviamente no ... come in tutte le cose! Però devo dire che il tuo articolo è come sempre ben fatto, perciò senza dilungarmi più del necessario Ti faccio i miei complimenti e alla prossima! 😊😊😊

    RispondiElimina