mercoledì 8 aprile 2015

Mighty Morphin Power Rangers (le sigle nel mondo)


Bentornati alla rubrica che prende in esame le sigle originali di cartoni e serie televisive, confrontandole con quelle create ex novo per il pubblico internazionale!
Dopo "Holly e Benji" della settimana scorsa, sono qui per parlarvi di "Mighty Morphin Power Rangers", la serie degli eroi in costume uscita sui teleschermi italiani nel 1994.
Siete pronti?

Forse non tutti sapranno che i "Power Rangers" sono in realtà un prodotto televisivo giapponese, realizzato da Toei e Bandai, e in onda su TV Asahi fin dal 1977; quasi annualmente è stata realizzata una nuova serie, con personaggi e ambientazioni nuove di zecca, ma soprattutto con un diverso tema conduttore a fare da padrone: gli animali, le nazioni, le civiltà antiche, le forme geometriche.

La sedicesima stagione, intitolata "Kyoryu Sentai Zyuranger", andata in onda a cavallo tra il 1992 e il 1992, aveva proprio come sfondo la presenza di diverse bestie preistoriche.
Eccone la sigla. Con un sound proveniente direttamente dalla canzone degli anni '60.



Fu allora che il produttore israeliano Haim Saban ebbe la brillante idea di esportare il format nel mondo occidentale: acquistò i nastri dell'intera serie, fece in modo che fossero mantenute soltanto le scene dei combattimenti ed ingaggiò un cast statunitense per girare il resto della puntata.  Sebbene qualcuno accusò i "Power Rangers" di stereotipi razziali (il ranger nero era afroamericano, la ranger gialla una ragazza asiatica: nell'intro il primo accennava dei passi di breakdance, la seconda una posizione di tai chi), il successo fu immediato. E questa era la rockeggiante sigla originale, rimasta immutata in tutto il pianeta (con i soli dialoghi tradotti nella lingua di destinazione).

Inglese


Spagnolo


Francese


Tedesco

Anche paesi come Portogallo, Brasile e Polonia utilizzarono lo stesso brano, tra l'altro continuamente citato nel telefilm in occasione delle trasformazioni e delle scene di combattimento più decisive.
Solo in Italia si optò per cambiare radicalmente l'intro, introducendo una canzone lunga quasi due minuti, composta da Carmelo "Ninni" Carlucci, scritta da Alessandra Valeri Manera ed affidata alla voce di Marco Destro.

Ed ecco che il target di un'intera serie si abbassò drasticamente a quello della scuola elementare: dalle mie parti qualsiasi maggiore di 10 anni avesse ammesso di seguire i "Power Rangers" sarebbe stato immediatamente oggetto di sfottò e di atti di bullismo.
E tutto grazie a questa canzone.



Nino Baldan

Metti "mi piace" alla Pagina Facebook del Blog per rimanere sempre aggiornato!


Nessun commento:

Posta un commento

Share This

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...