sabato 15 novembre 2014

Alba Parietti (non sapevo avessero fatto Italo Disco)


Bentornati con questo terzo appuntamento alla rubrica "non sapevo avessero fatto Italo Disco", che svela i retroscena dance ottanteschi di numerosi e insospettabili VIP!
Oggi è la volta nientemeno che di Alba Parietti!

La soubrette torinese debuttò nel mondo della musica semplicemente come Alba, e lo fece con questo primo brano, "Only music survives", realizzato dallo stesso team del progetto Valerie Dore: melodie dei fratelli Nicolosi, Dora Carofiglio alla voce, etichetta Merak.


Alba - Only music survives (1985)

Alba avrebbe semplicemente svolto il ruolo di "ragazza immagine", anche se sul web girano alcune dicerie secondo le quali la voce, ampiamente filtrata, in realtà sarebbe stata davvero quella della soubrette. Nello stesso anno uscì "Look into my eyes", scritta da Pasquale Scarfi e Roberto Fera, dove Alba si presentava sul palco insieme ad Amy, versione italiana di Boy George. Chi cantava qui? La Parietti o la Carofiglio?

Amy & Alba - Look into my eyes (1985)

Quello che si sa per certo è che Alba utilizzerà la sua voce negli altri due brani pubblicati: "Jump and do it" del 1986, prodotta da Sandy Dian e scritta da Diego Michelon, Massimo Filippi e Sangy.


Alba - Jump and do it (1986)

E "Dangerous" del 1987, cover del brano omonimo di Den Harrow (Turatti-Chieregato-Hooker).


Alba - Dangerous (1987)

C'è da dire che le canzoni interpretate da Alba godettero all'epoca anche di un discreto successo, sbarcando in Francia, Germania e Belgio. Ma la Parietti non sopravvisse musicalmente al declino della italo disco, e si riciclò egregiamente come conduttrice televisiva.

Nino Baldan


Gli altri post "non sapevo avessero fatto Italo Disco"

Milva (08/11/2014)

Mal (12/11/2014)

Nessun commento:

Posta un commento

Share This

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...