martedì 7 ottobre 2014

Tre canzoni venete dal Brasile

Dopo aver parlato della diffusione del "taliàn" nelle terre del Brasile meridionale dove si stabilirono i nostri emigranti provenienti soprattutto dall'area veneta, ecco a voi un esempio della loro produzione musicale popolare.

Questi tre brani qui in Italia non mi sono mai neppure passati per l'orecchio, ma oltreoceano rappresentano un saldo pilastro della loro tradizione, tanto da essere immancabili ad ogni festa e sagra, e da venir addirittura insegnati nelle scuole.


Mèrica Mèrica

Questo canto degli emigranti italiani in Brasile secondo il sito italiasempre.com risulta composta da Angelo Giusti nel 1875.



Dalla Italia noi siamo partiti
Siamo partiti col nostro onore 
Trentasei giorni di macchina a vapore, 
e in te la Merica noi siamo arrivai. 

Merica, Merica, Merica, 
cossa saràla 'sta Merica? 
Merica, Merica, Merica, 
un bel mazzolino di fior. 

E alla Merica noi siamo arrivati
no' abbiam trovato nè paglia e nè fieno
Abbiam dormisto sul nudo terreno,
come le bestie abbiam riposa'.

Merica, Merica, Merica, 
cossa saràla 'sta Merica? 
Merica, Merica, Merica, 
un bel mazzolino di fior. 

E la Merica l'è lunga e l'è larga, 
l'è circondata dai monti e dai piani, 
e con la industria dei nostri italiani 
abbiam formato paesi e città. 

Merica, Merica, Merica, 
cossa saràlo 'sta Merica? 
Merica, Merica, Merica, 
un bel mazzolino di fior. 

Merica, Merica, Merica, 
cossa saràla 'sta Merica? 
Merica, Merica, Merica, 
un bel mazzolino di fior.


La bella Polenta

Canto popolare anonimo datato 1919.



Quando si pianta la bela polenta, 
la bela polenta si pianta così, 
si pianta così, si pianta così.
Bela polenta così. 
Cia cia pum, cia cia pum.
Cia cia pum, cia cia pum.

Quando la cresce la bela polenta, 
la bela polenta la cresce così, 
si pianta così, la cresce così.
Bela polenta così. 
Cia cia pum, cia cia pum, 
Cia cia pum, cia cia pum. 

Quando fiorisce la bela polenta, 
la bela polenta fiorisce così, 
si pianta così, la cresce così, 
fiorisce così.
Bela polenta così. 
Cia cia pum, cia cia pum, 
Cia cia pum, cia cia pum. 

Quando si smissia la bela polenta,
la bela polenta si smissia così, 
si pianta così, la cresce così, 
fiorisce così, si smissia così.
Bela polenta così. 
Cia cia pum, cia cia pum, 
Cia cia pum, cia cia pum. 

Quando si taia la bela polenta, 
la bela polenta si taia così, 
si pianta così, la cresce così, 
fiorisce così, si smissia così,
si taia così.
Bela polenta così. 
Cia cia pum, cia cia pum, 
Cia cia pum, cia cia pum. 

Quando si mangia la bela polenta, 
la bela polenta si mangia così, 
si pianta così, la cresce così, 
fiorisce così, si smissia così,
si taia così, si mangia così.
Bela polenta così. 
Cia cia pum, cia cia pum, 
Cia cia pum, cia cia pum. 

Quando si gusta la bela polenta, 
la bela polenta si gusta così, 
si pianta così, la cresce così, 
fiorisce così, si smissia così,
si taia così, si mangia così,
si gusta così.
Bela polenta così. 
Cia cia pum, cia cia pum, 
Cia cia pum, cia cia pum. 

Quando fenisce la bela polenta,
la bela polenta fenisce così, 
si pianta così, la cresce così, 
fiorisce così, si smiscia così,
si taia così, si mangia così,
si gusta così, fenisce così.
Bela polenta così. 
Cia cia pum, cia cia pum, 
Cia cia pum, cia cia pum.



Il vecchio Trivelin/Trevelin

Un altro canto popolare anonimo.



La vecchia Trivelina
La ga la vista curta
E ancora la insulta
Il vecchio Trivelin

No, no, no
No cosi non dà
Il vecchio Trivelin
Romai l’è mal ciapà.

Il vecchio Trivelin
De le volte el se incativa
E il và sù per la Riva
Catar ghe mandolin.

No, no, no
No cosi non dà
Il vecchio Trivelin
Romai l’è mal ciapà.

Il Vecchio Trivelin
Ramai nol sona piu
Quella bella musicheta
Sol và vardar ghè zô.

No, no, no
No cosi non dà
Il vecchio Trivelin
Romai l’è mal ciapà.

Adesso si, vecchio Trivelin…
Com sessanta anni ‘nte la schena
Semo bem ciapai alora...
No ‘I conta piu gnancha le fròtole.

No, no, no
No cosi non dà
Il vecchio Trivelin
Romai l’è mal ciapà.


Di questa canzone esiste anche un "seguito", che qui sentiamo interpretato dalla fisarmonica di Danilo Mocellin, dove il protagonista, dopo esser stato "mal ciapà", stavolta "se ga recuperà".



Nino Baldan
(per la foto si ringrazia comitatogiovaniveneti.blogspot.com)

Nessun commento:

Posta un commento

Share This

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...